Edward Snowden

Due righe per parlare di questo ragazzo che a ventinove anni mettendo a repentaglio il proprio futuro, rinunciando ad una carriera certa nei servizi ed una vita sicuramente agiata, ha preferito dare ascolto alla propria coscienza fornendo al mondo le prove che gli Stati Uniti spiano tutti e tutto.

Tra le tante cose riguardanti lo scandalo “DataGate” che vede incriminata l’NSA a spiare tutti i messaggi ed email su Facebook, Apple, Microsoft, Skype… grazie al suo coraggioso agire abbiamo  anche scoperto che le attività di spionaggio non sono circoscritte all’America soltanto, infatti :

1) Gli stati uniti spiano gli uffici e funzionari dell’Unione Europea (mail, telefonate, e quant’altro). 500 milioni di comunicazione intercettate soltanto in Germania dove ha sede la Banca Centrale Europea.

2) Gli Stati Uniti per spiare oltre a collegarsi direttamente ai cavi dorsali internet che passano sotto gli oceani, lo hanno fatto anche aprendo degli uffici segreti all’interno delle basi NATO su territorio europeo, piazzando anche microspie negli uffici governativi.

Oggi, mentre vi sto scrivendo, gli Americani stanno facendo indecenti pressioni per estradare questo ragazzo che si sta rifugiando all’estero.  Lo Stato dell’Ecuador che prima si era detto disponibile a concedergli asilo politico ha dovuto ritirare l’offerta in seguito alle minacce statunitensi di sanzioni commerciali. Lo Stato di Hong Kong dopo aver un po’ coraggiosamente respinto la prima richiesta di estradizione , è riuscito a concedere solo il tempo tecnico a Snowden per muoversi a Mosca, dove attualmente è bloccato in attesa che uno stato gli conceda l’ingresso.

Sottolineo che tutto questo emerge solo a tre anni  di distanza dal “Cablegate” in cui Wikileaks aveva messo in evidenza terribili  violazioni della privacy da parte del Governo degli Stati Uniti.

Bisogna davvero domandarsi, come mai gli Stati Uniti  adducendo  alla lotta contro il terrorismo spia gli alti funzionari governativi Europei; pubblicamente celebrati come alleati ma poi nei loro documenti menzionati come “Target”.

Nell’attesa che qualcuno spiega questa dicotomia… per ora voglio solo tenere i riflettori ben accesi sul destino di questo Sowden che portando alla luce azioni criminali da parte degli americani rischia di finir segregato in uno dei loro fantasiosi carceri segreti.

Non sono così illuso da poter sperare che l’Italia risponda alla richiesta di aiuto di Snowden concedendogli un rifugio, però spero che qualche Stato si faccia avanti.

PS: però Obama è proprio una faccia di palta, ha fatto della privacy e del rispetto delle liberta il suo baluardo in campagna elettorale.. e si scopre che ancora al suo secondo mandato gli Stati Uniti spiano politicamente e soprattutto economicamente anche tutte le  mosse europee,  ci credo che poi la crisi non sembra mai finire, le banche americane che sono quelle che hanno speculato e speculano tutt’oggi sulla crisi dell’euro conoscono perfino prima tutte le nostre manovre!!! .. che schifo. La nostra reazione che si è limitata a chiedere a qualche reazione di sdegno e la richiesta di spiegazioni… è altrettanto ridicola. Gli Stati Uniti d’America non esitano a minacciare sanzioni commerciali se non gli si riconsegna quel ragazzo immediatamente per esser giustizi…ops processato… immaginatevi cosa sarebbe successo se solo fosse venuto fuori che il copasir italiano avesse installato una microspia nell’uficio ovale della Casa Bianca… non oso immaginare!

LINK UTILI :

Save Snowden

Datagate, spiata l’ambasciata italiana : http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-06-29/datagate-spiati-diplomatici-schulz-234101.shtml

Datagate, ecco come l’NSA spia i telefonini e internet in Germania e Italia : http://mytech.panorama.it/sicurezza/datagate-nsa-germania-italia-internet-spie

Edward Snowden , PRISM , le cose da sapere: http://mytech.panorama.it/sicurezza/snowden-prism-datagate-nsa-wikileaks-cose-sapere

Se vuoi contribuire con una tua idea o opinione sentiti libero di farlo.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s